SOPRAVVIVERE AL TUO PRIMO ANNO COME WEDDING PLANNER PARTE 2

La scorsa settimana, abbiamo parlato dell’importanza di creare strutture efficaci per gestire un’attività. Oggi spiegheremo gli altri due passaggi della formula in tre parti per avere successo : la comunità e l’autenticità.

Comunità

Non si sottolinea mai abbastanza quanto sia importante conoscere i fornitori e le aziende del settore nella zona in cui si risiede e in cui si lavora. Il networking inteso come l’azione di incontrare quante più persone possibili, cercando di far conoscere il proprio lavoro e conoscere il loro lavoro è una delle pratiche più efficaci ma meno seguite dai wedding planner.

Spesso una buona pratica di referral (azione di marketing che si avvale del coinvolgimento di clienti o di fornitori che suggeriscono a terzi, in modo spontaneo o meno, di rivolgersi a voi per la qualità e le prestazioni dei vostri prodotti o servizi) sinteticamente detto anche passaparola, è meglio di qualsiasi pubblicità. Costruite una community di operatori del settore del wedding che vi facciano incrementare il numero dei clienti lungo tutta la strada del vostro percorso professionale.

Il networking non è solo un’eccellente opportunità per incontrare persone che potrebbero portarvi nuovo business, ma è anche un modo meraviglioso per saperne di più sul settore e crescere come wedding planner. Collaborate con altri fornitori per pianificare eventi in co-marketing per generare il fenomeno del networking.

Di solito agli inizi si ha un piccolo portfolio clienti forse neanche completamente rappresentativo dei tipi di eventi che si vuole fare e dei clienti che si vuole attirare, per migliorare questa situazione potreste creare degli shooting fotografici sul vostro stile, ciò potrebbero essere un modo meraviglioso per mostrare il vostro talento, costruire relazioni e aggiungere clienti al vostro portafoglio. Inoltre le gallerie fotografiche, offrono opportunità infinite per essere creativi e collaborare con nuove persone. Molti blog e riviste pubblicano gli scatti ben realizzati dai wedding planner, quindi è una grande opportunità per rendere il vostro nome e il vostro lavoro pubblico in modo efficace.

 

Autenticità

Come formatori, crediamo che questa sia la parte più difficile, e forse, più cruciale da ottenere. Cercate di aver ben chiaro chi siete. Identificate ciò che portate in modo univoco al vostro settore rispetto i vostri concorrenti. È molto importante capire perché si faccia questo lavoro.

Cosa vi motiva ad alzarvi ogni giorno, dare il 100% e tornare l’indomani?

Perché vi considerate validi e preziosi?

Ognuno di noi porta al mondo una “forza” speciale e unica e, in quanto tale, la porta ai clienti e al settore del matrimonio in generale. Per qualcuno è la capacità di ascoltare ciò che il cliente sta veramente dicendo, re-inquadandolo, per poi condividerlo in un modo che sia attuabile e produttivo. Per qualcun’altro è la capacità di offrire originalità e creatività uniche.

Qual è la vostra forza? Scopritelo e condividetelo.

Sappiate che siete l’unica persona in grado di far conoscere i vostri talenti unici.

La ricerca di una propria autenticità consente di emergere in un mercato dove c’è spazio per tutti.
Infondete autenticità in ogni aspetto della vostra attività, otterrete più rispetto dai clienti e il vostro lavoro sarà molto più significativo e produttivo.
Il vostro primo anno come wedding planner può essere difficile, ma se avrete la forza di perseverare e di studiare i modi per essere autentici, il successo sarà facilmente alla vostra portata! 

Leggi la prima parte dell’articolo.

Se desideri essere aiutato nell’avviamento della tua professione come wedding planner, acquista la guida e l’aiuto concreto di un mentore per gestire i tre passi appena enunciati della strutturazione, comunicazione e differenziazione della tua attività.

Se ti è piaciuto l’articolo per favore condividilo sul tuo profilo!

 

Questo articolo è stato scritto da The Wedding & Event Planner Business School

Corsi professionali per la formazione di Wedding e Event Planner