Destination wedding planner e spedizione dell’abito da sposa lontano

Sei un destination wedding planner alle prime armi e molto preoccupato per il trasferimento dell’abito della sposa verso una lontana località? Non ti stressare! Ecco cinque consigli utili suggeriti dai maggiori esperti su come gestire l’abito a prova di viaggio.

  1. TESSUTO DELL’ABITO DA SPOSA

 

beach-wedding-dress

La prima cosa da valutare è il tipo di tessuto dell’abito, i più adatti a sopportare eventuali viaggi sono i tessuti leggeri come la seta charmeuse, pizzi e chiffon.  Un tessuto fluido e privo, o quasi, di crinolina, è più adatto a sostenere sbalzi di umidità e temperatura o possibili strapazzi dovuti al passaggio dell’abito in varie mani. Pertanto quando andrete a suggerire alla sposa quale abito acquistare tenete sempre a mente che la scelta del tessuto può essere determinante nell’evitare un problema una volta giunto a destinazione.

  1. PROTEGGERE L’ABITO DA SPOSA

atelierInformate sempre l’atelier in cui porterete la sposa per l’acquisto dell’abito, dell’intenzione di spedirlo all’estero; ciò vi permetterà di chiedere un insieme di accorgimenti nel confezionamento dell’abito da sposa per proteggerlo durante il viaggio; ad esempio potreste chiedere di inserire un supporto di cartone rigido sagomato nel corpetto e della carta velina priva di acidi sopra di esso e tra gli strati o pieghe dell’abito. Fate poi fasciare l’abito da un tessuto di cotone puro o lino, facendo attenzione che il colore del tessuto si adatto al colore dell’abito da sposa, bianco se l’abito è bianco e chiaro o dello stesso colore se l’abito è colorato.

Assicuratevi prima dell’acquisto che l’atelier sia disponibile a confezionare l’abito da sposa secondo le vostre indicazioni.

  1. RISCHIO BAGAGLIO

abitoPer evitare il rischio di incorrere nel famigerato bagaglio smarrito o in ritardo, suggeriamo di far imbarcare l’abito non nella stiva bensì in cabina insieme ai passeggeri, come una sorta di bagaglio a mano. Per evitare discussioni durante l’imbarco contattate prima la compagnia aerea e richiedete, probabilmente a pagamento, che l’abito possa essere collocato in un armadio durante il volo. Se l’armadio dovesse essere pieno, potreste dire alla sposa di collocare il vestito nella cappelliera sopra l’altro bagaglio, cercando di piegarlo a metà.

  1. ACCORDI CON LA LOCATION

abito 2Prima di scegliere una qualsiasi location assicuratevi, in vista del trasferimento dell’abito da sposa, che possano mettervi a disposizione un ferro da stiro, un diffusore di vapore, un servizio di sartoria o lavaggio a secco. Se la location non dispone di questi servizi; ma davvero non siete riusciti a trovare di meglio?, è opportuno cercarli al di fuori assicurandosi che siano poi all’altezza del lavoro che dovranno andare a svolgere. Vi raccomandiamo di curare molto attentamente questo dettaglio per evitare che una piega nell’abito possa rovinare il grande giorno della sposa.

 

 

5.USARE IL CORRIERE

corriereSe decidete di ricorrere ad una compagnia di spedizioni per l’invio dell’abito da sposa, soluzione tutt’altro da scartare, assicuratevi che l’abito parta 1 giorno dopo della sposa (e di questo ve ne dovrete occupare voi, ovviamente con un compenso extra), ciò per evitare che arrivi molto prima che qualcuno lo possa ritirare correndo il rischio che rimanga confezionato più del necessario.

Naturalmente vi dovrete assicurare che la compagnia adotti tutte le misure di protezione per garantire che l’abito non si danneggi, pertanto suggeriamo a questo proposito di affiancare alla spedizione un’assicurazione che in caso di smarrimento, perdita o danneggiamento rimborsi la sposa quanto meno per il valore dell’abito.

So già che in questo momento starete pensando, “si ma la sposa cosa si mette?” Tranquilli un destination wedding planner deve pensare anche a questo, infatti tutte le volte che si ha la necessità di spedire con corriere qualcosa da utilizzare nel matrimonio suggeriamo sempre di avere pronta un’eventuale alternativa sul posto, quindi nella pianificazione dell’evento oltre a dover organizzare la spedizione dovrete anche adoperarvi nella ricerca di fornitori, in questo caso atelier, con abiti simili a quello scelto dalla sposa in Italia e soprattutto con prezzi più bassi considerato il danno subito a causa della perdita o del danneggiamento dell’abito da sposa.

Se sei un professionista degli eventi che vuole espandere la tua attività iscriviti subito al corso destination wedding management e apprendi come organizzare un matrimonio all’estero per incrementare il valore dei tuoi servizi e il numero dei tuoi clienti.

Se ti è piaciuto l’articolo per favore condividilo!

Questo articolo è stato scritto da The Wedding & Event Planner Business School

Corsi professionali per la formazione di Wedding e Event Planner